ARIANNA

Veterana di Banda Biscotti, coordina le attività di formazione presenti all’interno del carcere di Verbania. A lei spetta il lavoro di talent scouting: tutti i membri della Banda, passati, presenti e futuri, sono passati, passano e passeranno dalle sue grinfie.

Cristiana

Un suo illustre collega di lavoro qualche anno fa descrisse il suo ruolo come “generalistico operativo”: come dire, dove c’è un problema da risolvere, dove c’è da mettere ordine nel disordine, senso nel non senso… Cristiana c’è.  Semplicemente insostituibile.

Diego

Un giovane talento al servizio della banda arrivato in laboratorio nel giugno 2015 al termine di un promettente percorso di formazione. Speriamo resti con noi per un po’ di tempo. Ben inteso, augurandogli di farlo soprattutto da libero, naturalmente!

Federico

Di lui si dicono tante cose ma soprattutto che è il figlioccio di Cristiana. Inguaribile tombeur de femme… è componente versatile della banda: dagli impasti al confezionamento, dagli allestimenti agli eventi esterni. Se nei nostri biscotti percepite del ritmo dell’energia caraibica, lo si deve alla sua musica latina.

Francesco

Detto il pasticcere loquace… da lui passa la gestione dei traffici di materia prima e la loro trasformazione in elaborati di pasticceria. Suo è il compito di realizzare biscotti in grado di creare dipendenza. Presenza dalle poche parole, gioca la sua autorevolezza sulla calma olimpica con cui affronta ogni problema.

Giuliano

Nella banda da ormai alcuni anni, Giuliano è una presenza imponente ma gentile, meticoloso e pacifico, la sua specialità è il confezionamento.

Lucia

Giovane apprendista pasticcera, Lucia approda nella Banda Biscotti nel luglio 2015 per svolgere un’ esperienza nel quadro della Garanzia Giovani.

Luigi

Membro della Banda dalla fine del 2014 Luigi si è progressivamente ritagliato uno spazio nel progetto occupandosi di affiancare tanto Francesco quanto Federico nelle varie fasi della produzione.

Nadir

Elemento storico della Banda, Nadir è un incollatore esperto di baci di dama. Quanti ne avrà assemblati nel corso degli anni?

Marco

La sua sinistra presenza aleggia negli spazi del laboratorio, che sia fisicamente presente o meno. Sempre alle prese con nuove frontiere di mercato da costruire, Marco è uno di quelli che il progetto Banda Biscotti lo ha visto nascere.

Ragioniere

Non poteva mancare l’uomo d’ordine, quello che tiene in riga tutti imponendo rigorosissimi piani antiausterità. Tra una mangiata e l’altra con Cristian,a il ragioniere sovrintende all’equilibrio economico finanziario della Banda.
Speruma n’bin.

Gianluca

Onore a colui che nell’ormai lontano 2009, per primo, puntò su questa pazza idea scommettendo sulla possibilità di produrre biscotti dentro agli spazi della galera, dando ancora più senso e valore agli interventi formativi realizzati nella Casa Circondariale di Verbania.

Domenico

Che dire del nostro grande Domenico… sotto il suo controllo, la gestione e gli adempimenti amministrativi scompaiono. Con lui si dorme tra due guanciali: sempre disponibile e puntuale. Risultato garantito.

Alessia

Per l’efficente Alessia nessun contratto è un problema. Se con Domenico si dorme tra due guanciali, con lei si dorme su morbidissimi materassi.

Chiara

Se Banda Biscotti ha un’identità visiva lo dobbiamo anche e soprattutto a lei, alle sue intuizioni e al suo gusto.

e tanti altri ancora

Ancora tante sono le persone a cui BB deve dire grazie, tante le persone che ci hanno aiutato e ancora lo fanno, condividendo con noi il senso di questo percorso: Michela, Andrea, tutti i ragazzi che hanno lavorato, Pietro e Luciano.


IMG_6996

L’IDEA

Banda Biscotti trae le proprie origini dall’esperienza di lavoro nel contesto penale maturata in più di trentacinque anni dalla Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri Onlus.
Il progetto deriva in modo diretto dalle attività di formazione professionale promosse all’interno del carcere di Verbania e di Saluzzo rappresentando un finalizzazione dei percorsi rivolti a persone con problemi di Giustizia.
Crediamo nel fatto che la formazione possa giocare un ruolo di primo piano rispetto allo sviluppo di politiche votate all’inclusione sociale delle persone più fragili presenti all’interno dei nostri circuiti di pena.
Oltre a tutto il bagaglio tecnico professionale necessario, Banda Biscotti si alimenta di tanto entusiasmo, passione e partecipazione.
Questo progetto appartiene a chi sa coglierne il senso appieno, sia esso un fruitore diretto, un volontario, un rappresentante delle istituzioni, oppure semplicemente un cliente.
Produciamo biscotti giorno per giorno diffondendo semi di speranza,  in una giustizia più giusta, in una comunità più accogliente, in persone meno isolate e arrabbiate.

LA FILOSOFIA DELLA BANDA

Il progetto Banda Biscotti nasce per testimoniare che un modello di giustizia diverso, più attento alle storie delle persone esiste ed è concretamente attuabile.
Il carcere porta con sé un carico rilevante di attese e aspettative: migliorare le persone che hanno sbagliato inducendole a non ripetere gli stessi errori è un compito difficile che richiede motivazione, strumenti, coerenza di modelli.
Anni di pratica di lavoro all’interno di questi luoghi ci hanno fatto capire che senza strumenti concreti il carcere riproduce se stesso all’infinito, non migliorando le persone, anzi contribuendo semmai a renderle ancora più dipendenti, ed escluse.
Un lavoro in cui credere, a cui dedicarsi con passione, in grado di strutturare un’identità professionale, può realmente cambiare il corso degli eventi per una persona detenuta.
Quello che vogliamo fare è esattamente questo, mettere a disposizione opportunità che rimettano in moto emozioni, tensioni, volontà, energie, restituendo alle persone la piena responsabilità delle proprie scelte e della propria vita.